Passa ai contenuti principali

L'essenza di questa tecnica sta nell'invisibile.

Con i termini giapponesi sumi-e (墨絵) oppure con la parola cinese shuimohua (水墨画), si indica uno stile pittorico monocromatico dell'Estremo Oriente che utilizza solo inchiostro nero, il sumi, in varie concentrazioni. Tutto sta nel movimento del pennello . . . armonioso e disciplinato.

Questa tecnica nacque in Cina durante la dinastia Tang (618-907). Fu introdotta in Giappone a metà del XIV secolo da alcuni monaci buddisti Zen, crescendo in popolarità fino al suo periodo di massimo splendore, nell'era Muromachi (1338-1573).

L'essenza di questa tecnica sta nell'invisibile, che rappresenta la prova più difficile per il pittore : lasciar intravedere, in quegli spazi vuoti, in quelle sfumature, ciò che non si può descrivere. 
Una pittura che non racconta, ma suggerisce, lascia spazio all'intuizione, che giunge chiara e vera.

Questo ideale di semplicità ed essenzialità colpì profondamente l'élite militare giapponese. Divenne il gusto estetico prediletto dei samurai e degli stessi shogun (i militari che governavano il Giappone), i quali non esitarono ad inviare in Cina ricercatori di queste opere d'arte.
Dhanly


Sul dipinto una poesia: 
Dopo il sonno primaverile 
l'emozione dell'alba desta gli uccelli
Dopo le notti di vento e di pioggia
 i fiori sanno che è arrivata...



Vecchio Oriente

Commenti

Post popolari in questo blog

Una riflessione da Maestro Chen!

Rieccomi qua dopo tanto tempo! Ma oggi posto qualcosa di diverso; metto un mio pensiero di qualche tempo fa, a dimostrazione come le parole del mio dolcissimo Maestro Chen possono continuamente fluire nella mente e modificare ogni pensiero dandogli la giusta collocazione! Buona riflessione! Oggi stavo facendo le pulizie... di nuovo. Ma non ero scocciata anzi, ho sorriso quando mi son ricordata delle parole di tanto tempo fa di una mia vecchi amica che affermava che fare la casalinga fosse frustrante, avvilente e annullante. Tutto può essere, forse per le altre me non per me! Ma non è del pensiero della mia amica che voglio parlare, ma di quanto mi piaccia questo mio ruolo e di quanto mi abbia dato in questi ultimi anni. Ricordo bene quando lavoravo in fabbrica, facendo turni massacranti per poi tornare a casa stanca morta e dovermi ancora prendere cura di un bambino, una casa e un marito che per quanto aiutasse il peso era sulle mia spalle... Ecco, ditemi voi come potrei consid…

Qualcuno parla del Samgha... questa volta sono io, Sara

Si dice che quando l'allievo è pronto, il Maestro arriva! Ecco come ho conosciuto Maestro Chen!
Tutto ha inizio un lontano  martedì di fine agosto; mi arriva un invito tramite una conoscenza in FB... nemmeno so come ho trovato Joanna, probabilmente qualcuno ha condiviso il suo status e piacendomi ho fatto richiesta di amicizia. E' rimasta li nella mia lista fino a che, proprio qual giorno, mi arriva un invito collettivo ad un "pizzata"  a Sirtori. -Tomo, sai dov'è Sirtori?- -Dev'essere dalle parti di Lecco... una settantina di km da qua...- -Mmmh... ti spiacerebbe se vado? Il Maestro di Joanna fa la pizza per tutti... mi è sempre piaciuto quella persona ma non so come mai, pensavo che fosse lontanissimo, così tanto che non mi son nemmeno messa a cercare... ma se è così vicino io vado...- - Se ti fa piacere vai...- Detto fatto, in pochi minuti accetto l'invito... domenica vado a Sirtori.
Mentre aspetto l'ora di mettermi in viaggio finisco di preparare …

Aforismi di Maestro Chen!